Tutti gli articoli della categoria: Presentazione libri

Franco Mori Cronache della mia lunghissima vita 3 ottobre 2020 🗓

    3 ottobre 2020 9.30-13.00 Presentazione del libro Cronache della mia lunghissima vita FRANCO MORI Parteciperà il prof. Pietro Clemente Antropologo culturale   Interventi preordinati a cura di Arrigo Bigi, Rossella Coveri, Alessandra Ginzburg, Jeanne Magagna, Antonio Suman, Valter Romeo Cungi Chair Paolo Meucci   Evento gratuito su ZOOM Locandina       L’uscita di questo libro precede solo di alcuni mesi la morte del suo autore Franco Mori psichiatra, psicoanalista, socio fondatore del Centro Psicoanalitico di Firenze. (Ricordo di Franco Mori) Una lunga vita che ha attraversato la vita cittadina: è stato medico, psichiatra dell’istituzione totale a San Salvi, pioniere nella sua professione di psicoanalista ed ha lasciato il suo contributo in molte delle realtà istituzionali di psicoterapia psicanalitica della città. Un lungo racconto una “cronaca” come lui stesso l’ha chiamata, che ci fa attraversare quasi un secolo di vita  personale e professionale, ma anche di vita pubblica nella cultura del novecento. È un lungo racconto che viaggia nel tempo,  una occasione per interrogarci sulla natura e sul senso della memoria.

Leggi tutto

Giovanni Hautmann e la passione del pensiero

È uscito per Mimesis, nella collana Eterotopie Giovanni Hautmann e la passione del pensiero, a cura di Gabriela Gabbriellini, Arianna Luperini e Simona Nissim. Attorno a due importanti scritti di Giovanni Hautmann Il mio debito con Bion e Tra attenzione fluttuante e fissità disattentiva, una costellazione di voci e riflessioni, con contributi di allievi e colleghi.  La prefazione di Stefano Bolognini apre il volume, strutturato attraverso i punti di intersezione fra il pensiero di Hautmann e le realtà che ha attraversato:  Hautmann precursore, Hautmann in dialogo, Hautmann tra scienza ed estetica, Hautmann: pensieri in divenire Autori e contributi: Francesco Conrotto Hautmann precursore della psiconanalisi attuale, Gregorio Hautmann e Andrea Marzi Gli elementi fondamentali del pensiero teorico-clinico di Giovanni Hautmann, Sesto Marcello Passone, Il pensiero di Giovanni Hautmann in dialogo con la psiconalisi francese, Enrico Levis L’apertura al simbolico tra Hautmann e Resnik, Alberto Meotti Psicoanalisi come metodo e come scienza, Gabriela Gabbriellini, Raffaella Tancredi e Maria Grazia Vassallo L’arte della parola tra psicoanalisi e letteratura negli scritti di Giovanni Hautmann.   Giovanni Hautmann e la passione del …

Leggi tutto

Dialoghi Aperti. Identità polifonica al tempo della migrazione 🗓

QUESTO SEMINARIO È RIMANDATO. LA NUOVA DATA VERRÀ COMUNICATA IL PRIMA POSSIBILE Centro Psicoanalitico di Firenze – Biblioteca delle Oblate DIALOGHI APERTI Autori Lettori Pubblico Programma a cura di Maria Pappa Biblioteca delle Oblate Sala conferenze Sibilla Aleramo Presentazione del libro Identità polifonica al tempo della migrazione (Alpes Editore, 2018) di Chiara Rosso Interverranno : Giuseppe Cardamone Psichiatra Esperto in Psicopatologia della Migrazione Antonella Sessarego Psichiatra, Psicoanalista SPI Locandina Dialoghi Aperti 27 Febbraio

Leggi tutto

Dialoghi Aperti Il disagio del desiderio

Centro Psicoanalitico di Firenze – Biblioteca delle Oblate Sala  Conferenze Sibilla Aleramo DIALOGHI APERTI Autori Lettori Pubblico Programma a cura di Maria Pappa 6 febbraio 2020  17.30-19.30 Il disagio del desiderio (Donzelli Editore, 2017) di Paola Marion Interverranno: Elisabetta Chelo Ginecologa, Specialista della Riproduzione Umana Benedetta Guerrini Degl’Innocenti Psichiatra, Psicoanalista SPI Locandina Dialoghi Aperti

Leggi tutto

Dialoghi aperti Firenze 11 maggio 2019 🗓

Il Centro Psicoanalitico di Firenze organizza una mattina di dialogo e confronto con tre psicoanalisti autori di testi diversi che affrontano temi importanti. La cura psicoanalitica contemporanea. Estensioni della pratica clinica, a cura di Tiziana Bastianini e Anna Ferruta (Giovanni Fioriti Editore, 2018). Un libro a più voci che osserva e si interroga sulle estensioni della pratica clinica e  indaga le evoluzioni del metodo psicoanalitico messo alla prova in contesti clinici diversi. Gregorio Hautmann dialoga con una delle autrici/curatrici Anna Ferruta. Il disagio del desiderio (Donzelli Editore, 2017). Un libro che affronta il tema delle biotecnologie nella procreazione umana in una ottica psicoanalitica partendo dalla sua dimensione più intima, in rapporto all’ identità personale. Una riflessione sulla disgiunzione tra sessualità e procreazione in un mondo che cambia. Marina Breccia dialoga con l’autrice Paola Marion. Solo (Barta Edizioni, 2017). Un originale progetto editoriale di una casa editrice indipendente (collana Sconfini, Barta Editore), un titolo che rimanda ad Edgar Allan Poe, un tema, l’autismo,  affrontato e scritto in forme narrative diverse. Con un intervento di Arianna Luperini responsabile editoriale Barta, Benedetta Guerrini Degl’Innocenti …

Leggi tutto

La passione del negativo. Pisa 21 settembre 2018 🗓

La passione del negativo. Il pensiero di André Green nel volume curato da Andrea Baldassarro La presentazione del libro curato da Andrea Baldassarro “ La passione del negativo” ( Franco Angeli, 2018) sarà  un’ occasione per celebrare e ricordare il pensiero di André Green, uno dei più grandi pensatori e testimoni della psicoanalisi del XXI secolo. Di lui impossibile non ricordare lo “stile” di pensiero, indicando con questo termine non solo il modo di pensare e il contenuto del suo pensiero, ma soprattutto il suo modo di porsi verso gli altri pensieri esistenti. Uomo di confine, che non ha invaso i confini e che non si è mai chiuso in un confine teorico, pur sviluppando molto pensiero teorico con la passione che il titolo del libro ci ricorda. Tra gli autori, oltre ad Andrea Baldassarro che l’ha anche curato, Catherine Chabert, Franco Conrotto, Amalia Giuffrida, André Green, Litza Guttieres-Green – che parteciperà alla presentazione -, Lorena Preta, Lucio Russo, Giuseppe Squitieri, e una straordinaria intervista a Green di Fernando Urribarri, con la quale il lettore …

Leggi tutto
il-segreto-della-fata-turchina

Il segreto della fata turchina

Alessandro Fani Gabriele Zeloni Il segreto della fata turchina Storia di un balordo e di uno psicoanalista PREFAZIONE DI SIMONA ARGENTIERI Formato: 15×21 Pagine: 184 Prezzo: € 15,00 Isbn: 978-88-97142-62-1 Editore: Nicomp Laboratorio Editoriale Firenze www.nicomp-editore.it nicomp-editore@tiscali.it “Personaggio strano questa Bambina dai capelli turchini che, di punto in bianco, smette di essere bambina”, pensava Carlo davanti a un piatto di spaghetti sconditi, palese dimostrazione della sua inettitudine ai rifornimenti, mentre in piedi, in una cucina che sembrava sconvolta da una bomba, cercava di soddisfare in maniera minimalista il problema del desinare. Perché mai la storia assurda di un pupazzo di legno, sgorgata nel 1883 dalla fantasia di un tal Lorenzini, in arte Collodi, ha suscitato e continua a suscitare una così imponente marea di riflessioni, studi critici, parafrasi letterarie, cinematografiche, teatrali… che non accenna a declinare? Per quali meriti è il libro più tradotto al mondo dopo la Bibbia? Ora è la volta di questo libro frutto della allegra fatica di una coppia di autori fiorentini. Qui l’interpretazione molto moderna intreccia la dimensione interpersonale con quella intrapsichica, la visione …

Leggi tutto
Scenari di legami fraterni - Caffe alla Chiarugi 14-5-15-4

Scenari dei legami fraterni

Questo libro si aggiunge alla vasta letteratura già presente nel campo della dimensione fraterna offrendo nuovi contributi al crescente interesse che psicologia e psicoanalisi attribuiscono a questa tematica. Il libro tocca momenti di vita diversi, tracciando idealmente un percorso evolutivo che va dalla prima infanzia all’età adulta e oltre, facendoci partecipare attraverso la metodologia dell’Infant Observation a scene familiari in cui la nascita di ogni nuovo bambino rende necessario il ritrovare il proprio posto in famiglia (E. Fattirolli, L. Root Fortini e L. Mori) o immettendoci nel vivo della percezione che ha un bambino dell’essere fratelli o gemelli attraverso la rappresentazione grafica (G. Pinto e S. Lecce) oppure ancora facendoci avvicinare a situazioni in cui la relazione fraterna è terremotata dalla perdita di un genitore (L. Caligiani) o dalla presenza di un fratello diversamente abile (V. Coppola). L. Root Fortini e L. Mori esaminano infine pitture celebri, brani di romanzi, film, sottolineando ancora una volta l’estensione della presenza della dimensione fraterna, con i suoi complessi intrecci relazionali, nel mondo immaginativo e affettivo di ogni essere …

Leggi tutto

Le figure del vuoto – Patrizia Masoni

  a cura di L.Rinaldi e M.Stanzione venerdì 1 febbraio 2013 ore 18.00 Saletta ETS Editori, Piazza Carrara 16, Pisa “LE FIGURE DEL VUOTO” i sintomi della contemporaneità: anoressie, bulimie, depressioni e dintorni” a cura di Luigi Rinaldi e Maria Stanzione . Il Dott.Luigi Rinaldi con la pubblicazione degli atti di questo convegno continua una ricerca iniziata nel 1990 su “patologie gravi e modelli di comprensione” per confrontare le conoscenze raggiunte dagli psicoanalisti nella cura / presa in carico delle patologie più gravi sia nella stanza di analisi sia in contesti operativi psichiatrici; tale ricerca ebbe una prima pubblicazione nel testo “Quale psicoanalisi per le psicosi ?” (1997 ), vincitore del premio Gradiva –Lavarone come miglior testo di psicoanalisi pubblicato in quell’anno. Nel 2003 seguì “Stati caotici della mente”(a cura di Luigi Rinaldi) come ulteriore contributo della ricerca psicoanalitica sulle aree asimboliche della mente. In quasi tutte le relazioni del convegno “LE FIGURE DEL VUOTO” siamo convocati “in vivo” nella stanza di analisi ad osservare le molteplici declinazioni del vuoto, in particolare siamo introdotti nell’area …

Leggi tutto

Le figure del vuoto – Paola Freer

a cura di L.Rinaldi e M.Stanzione venerdì 1 febbraio 2013 ore 18.00 Saletta ETS Editori, Piazza Carrara 16, Pisa Luigi Rinaldi e Maria Stanzione, curatori di questo affascinante volume che raccoglie ricchi ed eterogenei contributi, pongono la questione di come i mutamenti sociali e culturali che propongono nuovi ‘valori’ (produrre, consumare, dissipare) influiscano sulla clinica favorendo una fenomenologia ‘a-rappresentazionale’, caratteristica di patologie quali l’anoressia, la bulimia, le dipendenze, le depressioni. Viene posto l’interrogativo se patologie “monosintomatiche” possano essere pensate, come scrive Rinaldi, sotto forma di “metafore sociali di una mutazione antropologica”, determinata dal sovvertimento “dell’imperativo kantiano fondato sul dovere che è stato soppiantato dall’imperativo del diritto al godimento illimitato”, che attualmente sembra dominare e che, come sottolineato da Bauman nel libro “Consumo dunque sono” (2007), “si articola attraverso l’applicazione di tre regole: ‘godere qui e ora/in modo solitario e non al servizio del legame/vivere in un tempo punteggiato che si caratterizza più che per la continuità, per un frazionamento in monadi racchiuse in se stesse’”. Rossella Pozzi, nel suo contributo osserva come oggi “colpiscono le …

Leggi tutto