Eventi passati
Lascia un commento

Emergenza borderline. Istituzione, gruppo, comunità – Venerdì 23 marzo

Firenze, 23 marzo 2012

Centro Formazione

Azienda Sanitaria Firenze

Il Fuligno

Via Faenza n. 48

Unità Funzionale Salute Mentale Adulti Firenze

Struttura Operativa Semplice Salute Mentale Adulti 2

presentano il libro:

“ Emergenza borderline. Istituzione, gruppo, comunità ”

di Cono Aldo Barnà e Giuseppe Corlito

Ore 10 Apertura dei lavori: S. Domenichetti

Presentazione del libro: G.Saraò

Ore 11: Interviengono gli autori:

Cono Aldo Barnà, Giuseppe Corlito

Discussant: Mario Rossi Monti

Ore 12,30: Dibattito

Ore 13: Conclusioni: S. Domenichetti

Segreteria organizzativa: elisabetta.sodini@asf.toscana.it, mom2sma@asf.toscana.it

S.O.S. Q2- Via L. il Magnifico 100, Firenze

Tel. 0556934409

Presentazione del volume:

C’è oggi un’emergenza epidemiologica del disturbo borderline, una sindrome psicosociale legata alla formazione della personalità nell’epoca della modernità “liquida” e vista qui sotto il vertice psicodinamico.
Il libro sottopone a critica il percorso “storico” che ha portato all’elaborazione del concetto di disturbo borderline sia nei sistemi diagnostici internazionali sia negli approfondimenti psicodinamici per gli adulti e per gli adolescenti.
Gli autori propongono un modello applicabile ai servizi italiani e riferibile al gruppo di lavoro pluridisciplinare orientato in senso psicoterapico e supervisionato da uno psicoanalista esperto. Il modello, che trova riscontro nella letteratura internazionale, è complesso e si fonda su alcuni “ingredienti attivi”:
1. il gruppo di lavoro del servizio di salute mentale si fa carico di una rete di interventi psicosociali nella comunità e funziona da “contenimento”;
2. il contenimento longitudinale del gruppo permette l’accesso ad una psicoterapia dinamica a lungo termine, anche dei casi più seri, che sfuggono all’approccio “privatistico”;
3. l’intero gruppo si giova di una supervisione periodica.
Il libro approfondisce le caratteristiche della supervisione di gruppo: la costruzione condivisa di una “metalettura” del caso che funziona da pensiero comune del gruppo, del terapeuta e del paziente; la capacità del gruppo di favorire il passaggio da una mente border dissociata ad un funzionamento più “riflessivo”; la condivisione di una “filosofia del caso” che corre in tutta la rete degli interventi.
A conclusione, nel volume viene presentato un caso paradigmatico e le schede dei casi trattati, con valutazione degli esiti.

Autori:

Cono Aldo Barnà , psichiatra, psicoanalista didatta della Società Psicoanalitica Italiana e dell’International Psychoanalytic Association, supervisore di molti servizi di salute mentale, è autore, tra l’altro, di diversi articoli sull’argomento.

Giuseppe Corlito , psichiatra, neuropsichiatra infantile, psicoterapeuta, insegna Psichiatria Sociale all’Università di Siena. È stato supervisore di alcuni servizi di salute mentale e direttore dei corsi del metodo ecologico-sociale, è autore di diversi articoli e monografie.

Discussant:

Mario Rossi Monti, psichiatra, psicoanalista (SPI), ha lavorato nei Servizi di Psichiatria della Regione Toscana, Ordinario di Psicologia Clinica presso l’Università di Urbino, numerosi sono i suoi contributi scientifici nell’ambito della Psicopatologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.