Libri, Recensioni
Lascia un commento

Nella stanza dei sogni. Un analista e i suoi pazienti. Di Roberto Goisis. Recensione di Teresa Lorito

La stanza dei sogni

Parafrasando quello che dice l’autore stesso, Nella stanza dei sogni si legge come un romanzo, ma non è un romanzo; potrebbe essere un saggio, ma non lo è; potrebbe essere un compendio sulla teoria e tecnica della psicoanalisi, ma non ne ha la scansione, forse è un insieme di biografie, ma in realtà è un’autobiografia.

Goisis scrive un libro che scompone tutti i generi letterari e li ricompone per creare un suo personalissimo modo di raccontare.

La scomposizione e ricomposizione mi pare il tratto saliente del libro. La sua vita, la sua professione, la sua carriera, i suoi luoghi, i suoi pazienti, tutto è raccontato per brevi sequenze, tutto appare singolo, ma, invece, tutto è un coro che canta la sua passione per la vita, per le persone, per la psicoanalisi, per gli amici, per la sua famiglia, per i suoi pazienti.

Dal giovane medico che si specializza al professionista affermato, passando attraverso delusioni, successi, sconforti, perdite e ritrovamenti.

Descriverei il libro come un lavoro al telaio.

La trama è una teoria del setting che varia nel tempo mantenendo il suo assetto psicoanalitico, ma contaminandosi attraverso l’esperienza e gli studi.

La stanza: non solo il lettino d’ordinanza, la chaise-longue di Le Corbusier, ma anche la poltrona, la sedia: “Ci sono poi libri e riviste, poche, in ordine nella libreria, le sedie sono avvolgenti, le tende contengono e aprono alla città, i colori alle pareti cercano di trasmettere armonia e pacatezza. Tutti, i tanti dettagli, sono il mio modo di accogliere. Anche da lì inizia la cura”.

L’astinenza dell’analista declinata attraverso un’umanità che tiene conto delle emozioni di entrambi i componenti della coppia al lavoro.

La stanza d’attesa come una decompressione dal mondo fuori, ma a volte anche come una variabile che interviene nella cura.

L’ordito, i tanti volti che riempiono la stanza dei sogni: l’adolescente, la giovane promessa della moda, i genitori spaventati e i loro figli spaesati, la giovane professionista della fotografia in cerca per tutta la vita dell’attenzione di suo padre. L’amico e collega di una vita, i colleghi della Società Psicoanalitica Italiana, la compagna di vita e di lavoro, i figli e la loro progenie.

Tutti questi volti disegnano questo viaggio rendendolo interessante per noi addetti ai lavori, ma anche per i lettori in genere che possono sognare insieme a tutto il cast che passa dalla “Stanza”.

Una cosa che mi ha molto colpito e che penso sia particolarmente interessante è lo sdoppiamento dell’io narrante: a volte i pazienti vengono fatti parlare in terza persona, a volte l’autore se ne impadronisce e presta loro la sua voce.

Penso che questo oltre ad essere un artificio letterario, un modo per rendere più accattivante e coinvolgente il racconto, sia una modalità concreta di rendere i movimenti emotivi e cognitivi che avvengono in ogni incontro terapeutico. Sottolinea anche come il nostro mestiere si confronta con una specie di compito impossibile: essere noi stessi e nello stesso tempo modificarci a seconda di chi abbiamo di fronte. Compito impossibile, ma assolutamente entusiasmante che ci fa amare questo mestiere.

Perché la “… psicoanalisi parla a noi terapeuti, ci porta in mondi nuovi rispetto ai manuali, cambia e ci fa cambiare, apre la mente e il cuore a nuove esperienze”

Un libro da leggere tutto di un fiato, per rileggerlo con calma estrapolando tutti gli aspetti tecnici e teorici di cui trasuda.

 

PS: e mentre lo leggiamo possiamo anche ascoltare su Spotify la personalissima colonna sonora, pensata da Roberto Goisis, per Nella  stanza dei sogni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *